Da domani Lunedi 20 Aprile scatta l’obbligo della mascherina

Apr 19, 2020 by

Da domani Lunedì 20 Aprile entrerà in vigore l’obbligo della mascherina ad esclusione dei bambini con età inferiore a 6 anni. La mascherina dovrà essere sempre usata in presenza di più persone in spazi aperti e chiusi. Sarà obbligatoria sui mezzi pubblici, sui taxi e sui mezzi a noleggio. Inoltre nei negozi, a fare la spesa, negli uffici e nei luoghi chiusi. Ed anche negli spazi all’aperto frequentati da piu’ persone dove si aggiunge l’obbligatorietà anche della distanza sociale di sicurezza. In allegato trovate il volantino riassuntivo predisposto dal Comune.
Vi ricordo che la Regione sta effettuando approvvigionamenti continui di mascherine che da domani saranno disponibili presso farmacie e centri commerciali. Qui di seguito i dettagli che potete trovare anche sul sito della Regione:
_Le modalità di consegna in farmacia_
Il sistema informativo del Servizio sanitario regionale genererà, fornendolo alle 1150 farmacie pubbliche e private, una ricetta individuale mensile dematerializzata per ogni cittadino. Ciascuno, munito della tessera sanitaria o di quella del proprio codice fiscale, si recherà in una farmacia a sua scelta e, attraverso la lettura della tessera, accederà alla ricetta dematerializzata e riceverà le mascherine. Ogni cittadino potrà ritirare una confezione da 5 mascherine alla volta, per un totale da 30 mascherine al mese.
_Le modalità di consegna nei supermercati_
Grazie all’accordo tra Regione Toscana e Gdo, ogni cittadino potrà ritirare una confezione da 5 mascherine presso uno dei 230 punti vendita di Coop, Conad e Lidl. La consegna avverrà in appositi spazi, all’interno o all’esterno degli stessi punti vendita, dove sarà possibile rispettare le distanze di sicurezza, da parte di dipendenti del Servizio Sanitario Regionale. Gli addetti forniranno anche tutte le informazioni utili per il corretto utilizzo dei dispositivi. Negli orari di apertura dei punti vendita, le postazioni per la distribuzione saranno attive dalle 9 alle 16.
read more

Related Posts

Tags

Share This

Una Pasqua particolare – Aprile 2020

Apr 11, 2020 by

pasquaQuesta Pasqua non ce la scorderemo facilmente, ma gli sforzi fatti in questi giorni (da chi è restato a casa ma da chi soprattutto ha mandato avanti il paese esponendo in prima linea la propria vita) sono stati necessari e non vani.
Dalle simulazioni condotte dal Dipartimento di Statistica dell’Università di Firenze infatti, senza l’adozione delle misure di distanziamento sociale attive dal 9 Marzo, il virus avrebbe infettato tutta la popolazione entro Giugno e i morti calcolati per Giugno sarebbero arrivati a circa 36.000 ovvero l’1% della popolazione complessiva dell’intera Regione. Grazie alle misure di quarantena i morti stimati per Giugno sarebbero 700 con un indice di contagio di 0,5 contro il 7 in assenza di misure con un rapporto deceduti/malati di circa l’1%.
Al netto della questione delle RSA (vero buco nero della gestione a livello nazionale) questo sta a dimostrare che questo periodo di quarantena era ed è più che giustificato e che la Regione Toscana ha avuto un risultato a livello di risposta sanitaria assolutamente efficacie.
Non ci resta che un ultimo sforzo e lavorare tutti per immaginare come riorganizzare la nostra vita in attesa della progressiva riacquisizione della nostra piena libertà a partire dal 3 Maggio. Una grande sfida riguarderà anche la città di Firenze e tutti i comuni italiani. Se avete idee e suggerimenti fateceli avere.
Auguri a tutti, ne abbiamo bisogno!!

 

 

read more

In arrivo da oggi 6 Aprile 2020 le mascherine di protezione

Apr 6, 2020 by

E’ partita  stamani la consegna da parte del Comune delle mascherine protettive acquisite dalla Regione Toscana. Le mascherine saranno di quelle di tipo chirurgico (le più semplici): saranno distribuite 2 mascherine a testa per ogni residente (compresi anche i bambini). Essendo monouso la precauzione sta nell’usarle ‘bene’. Vi giro un video a proposito che può essere utile. La consegna è anche propedeutica alla volontà manifestata dalla Regione di rendere l’uso delle mascherine obbligatorio per le uscite (l’obbligo sarà compreso nell’ordinanza regionale che stiamo aspettando a breve) : cerco di tenervi aggiornati sulle evoluzioni.

 

read more

Da oggi 10 Marzo 2020 tutta l’Italia diventa zona di tutela: ecco le nuove regole da seguire

Mar 10, 2020 by

🔵 NUOVO DPCM IN VIGORE DA OGGI, MARTEDì 10 MARZO 2020. SINTESI

Il nuovo DPCM appena annunciato da Conte estende le disposizioni previste ieri per Lombardia e 14 province a tutta Italia.

Da stamani in tutto il territorio nazionale:
👉bisogna evitare ogni spostamento di persone fisiche in entrata e in uscita dai territori, nonché́ all’interno degli stessi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative (non più indifferibili) o situazioni di necessità o per motivi di salute CHE VANNO DIMOSTRATE (pena art 650 codice penale);

👉si raccomanda a datori di lavoro pubblici e privati di promuovere la fruizione da parte dei dipendenti di periodi di congedo ordinario o ferie, ferma restando la modalità di lavoro agile disciplinata per tutto il territorio nazionale;

👉sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati;

👉sono sospese tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati. Nei predetti luoghi è sospesa ogni attività;

👉 sono sospese tutte le cerimonie civili e religiose ivi comprese quelle funebri;

👉Musei e luoghi di cultura sono sospese le aperture;

👉 La biblioteca comunale è chiusa;

👉Sono vietati assembramenti anche all’aperto!

👉sono sospesi fino al 3 aprile i servizi educativi e le attività didattiche;

👉sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle 6.00 alle 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un pmetro di cui all’allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

👉sono consentite le attività commerciali diverse da ristorazione e bar a condizione che il gestore garantisca un accesso con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.
In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le strutture dovranno essere chiuse;

👉sono adottate in tutti i casi possibili, nello svolgimento di incontri o riunioni, modalità di collegamento da remoto, comunque garantendo il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro ed evitando assembramenti;

👉nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati.
Nei giorni feriali, il gestore deve comunque garantire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.
In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le strutture dovranno essere chiuse.
La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, il cui gestore è chiamato a garantire comunque il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.

👉Gli orari di apertura al pubblico degli uffici comunali rimangono invariati, SI INVITANO TUTTI I CITTADINI, nel caso di necessità inderogabile, a comunicare con gli Uffici tramite e-mail o telefono, a recarsi in Comune solo per motivi indispensabili, inderogabili ed essenziali, per evitare il più possibile assembramenti di persone in spazi chiusi. Sarà nostra cura rispondervi sempre con la massima celerità.

read more